18 Aug 2019
BREAKING NEWS
Home / Cultura  / Libri, il romanzo di Corrado che parla di una generazione

Libri, il romanzo di Corrado che parla di una generazione

SAN GIORGIO LUCANO – Raccontare in un romanzo storie di una generazione che ha fame di tutto non sarebbe possibile se non si condivide la stessa fame, lo stesso destino e gli stessi sogni. Isabella Corrado, di San Giorgio Lucano che divide la vita tra Matera e Roma, nel suo primo romanzo, ci riesce perché dimostra di avere un appetito pantagruelico. Nasce così “Fame” (Edizioni Ensemble), nitida fotografia di precarietà, voglia di successo, delusioni e scommesse perse e vinte. Proprio come accade tutti i giorni per i nostri ragazzi che vivono in tempi e spazi dove le certezze sono rare e le insicurezze diffuse. Una generazione il cui tallone d’Achille è il lavoro, che non c’è o non vogliono fare, fra stage sottopagati, tirocini in scienze delle fotocopie, stipendi da fame, finte partite iva e gavette infinite. Tante storie che nel romanzo prendono vita. Il trentenne Derek Zinni è affetto da una forma poco chiara di fame compulsiva e decide di cominciare un percorso di psicoterapia. Manuela Riva è un’aspirante artista. Dopo cinque anni passati a Londra, torna a Roma ma sulla sua strada trova solo un lavoro da stagista, una madre ambiziosa e un padre costretto a nascondersi. Anche lei è costantemente alla ricerca di cibo. Quando le loro strade si incrociano, i due non sanno che c’è qualcosa che li unisce: il sentirsi difettosi, forse. E il bisogno di riempirsi.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Arturo Giglio