Lucana Film Commission, scontro aperto tra Papaleo e Forza Italia

POTENZA – Il 17 gennaio scorso è scaduto il contratto con il consulente del marketing, Nicola Timpone.

La scorsa settimana è cessato il rapporto con le due sole dipendenti. Restano in carica il presidente facente funzioni del Consiglio d’amministrazione, Salvatore Verde (che non è retribuito) e il direttore generale della Lucana Film Commission, Paride Leporace, il cui contratto scade nella primavera del 2021.

Leporace ha lanciato un appello affinchè non si arrivi allo smantellamento completo della Fondazione, considerata la diserzione dalle continue riunioni andate deserte del Consiglio Generale da parte della Regione (socio di maggioranza), che continua a non saper decidere sul mantenimento o sulla morte della Lfc.
L’APPELLO RACCOLTO DA ROCCO PAPALEO
Il famoso attore-regista Antonio Rocco Papaleo ha raccolto l’appello di Leporace, affermando che “la Lucana Film Commission ha attratto produzioni cinematografiche, creato professionalità, ha dato lustro e possibilità alla Basilicata, sviluppando di conseguenza l’afflusso turistico.In questo momento di emergenza sento dire che si voglia sospendere per lungo tempo questa struttura. Ora io mi auguro veramente di no. Mi auguro che chi decide possa avere ancora veramente a cuore la Lfc, che trovo sia necessaria per la nostra piccola e bellissima regione”. La dichiarazione di Papaleo ha provocato la dura reazione del Gruppo regionale di Forza Italia, secondo cui “la Fondazione non si tocca, uomini e metodi sì. Mai più mala gestione del passato”.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”