Matera, in manette un topo d’appartamento: il 27enne di Bari “tradito” da un’impronta

MATERA- Aveva agito nel settembre dello scorso anno mettendo a segno un furto in un appartamento della zona nord di Matera. le indagini non si sono mai interrotte sino a giungere all’individuazione di Pietro Silecchia, 27enne con precedenti penali. Con l’accusa di furto aggravato il giovane barese è stato arrestato dalla Polizia. La misura della custodia cautelare in carcere è stata disposta dal gip di Matera Angelo Onorati su richiesta del pm Rosanna De Fraia. I particolari dell’operazione sono stati diffusi ieri nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nella Questura della Città dei Sassi, il capo della Squadra mobile, Fulvio Monaco, ha spiegato che “la Scientifica aveva trovato nell’abitazione un frammento di impronta del giovane: in seguito – ha aggiunto – siamo riusciti ad avere la certezza che il giorno del furto si trovasse a Matera grazie all’analisi delle celle telefoniche”. Nella casa di Silecchia la Polizia ha trovato cinque cellulari e nove orologi, provento – secondo gli investigatori – di altri furti. Silecchia è stato quindi trasferito nel carcere di Matera. Con l’occasione, in questi mesi estivi in cui molti lasciano le proprie abitazioni per trascorrere le vacanze altrove, la polizia ha dispensato utili consigli per prevenire i furti in casa invitando i cittadini a segnalare al 113 comportamenti sospetti di persone che potrebbero rivelarsi essere truffatori e ladri.