Melfi, tenta di strangolare la madre disabile: 45enne in manette

MELFI – Arriva da Melfi l’ennesima storia di maltrattamenti in famiglia. Sempre più spesso, purtroppo, abusi e violenze vengono perpetrate nel posto che ci appare come quello più tranquillo, tra le mura domestiche. Una donna di 45 anni è stata arrestata dalla polizia dopo aver aggredito la madre invalida, cercando di strangolarla. Ora dovrà difendersi dalle accuse di maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale. La vittima dell’aggressione ha 65 anni e dopo l’ultimo grave episodio ha trovato il coraggio di raccontare agli inquirenti come purtroppo non si sia trattato di un raptus isolato. Alla polizia, infatti, la donna disabile ha denunciato che la figlia negli ultimi diciotto mesi l’aveva sottoposta ”a violenze psicologiche e fisiche, recludendola in casa, privandola di alimenti e isolandola deliberatamente da parenti e conoscenti con la minaccia di toglierle la pensione”. Abusi ai quali è stata messa la parola fine dopo l’intervento degli agenti che hanno condotto la donna in carcere. La 45enne di Melfi nei prossimi giorni dovrà presentarsi davanti al gip ed al pubblico ministero per l’interrogatorio di garanzia. Resta da capire se deciderà di raccontare o meno i motivi che l’hanno portata a maltrattare e ad aggredire ripetutamente la mamma.