Merra-Bardi, è scontro dopo le dichiarazioni social del presidente

POTENZA – C’è grande tensione nel centrodestra dopo l’annuncio, da parte dell’assessore regionale Merra, di lasciare l’esecutivo Bardi. Tensione che si è tramutata in uno scontro via social. Politicamente, in consiglio regionale l’uscita della Merra potrebbe tramutarsi in un terremoto. La già traballante maggioranza Bardi, infatti, con l’uscita della maggioranza dalla Merra di fatto si ritroverebbe minoranza. Con tutto ciò che ne consegue. E seppur nelle ultime 48 ore l’assessore alle Infrastrutture Donatella Merra sia stata oggetto di una incessante opera di convincimento a tornare sui propri passi, la sensazione è che difficilmente ciò possa accadere. E che difficilmente sia questo l’epilogo, lo dimostrano anche le parole al veleno che ieri il presidente Vito Bardi ha destinato alla Merra via social, dando il via ad un vero e proprio scontro a suon di post. “Mi preme ricordare che le dimissioni non si annunciano, ma si presentano”, ha scritto il presidente della Basilicata. “A ogni modo farò valere le mie prerogative”.

Lo scontro via social tra Merra e Bardi

Stretta la replica dell’assessore Merra al presidente Bardi: “Riscontro con estremo rammarico – ha scritto – che l’unico esponente femminile del Governo regionale continui a subire atteggiamenti ed azioni discriminatorie. Venute meno le condizioni ho chiesto di aprire opportuna e necessaria riflessione politica nel governo, per salvaguardare la democrazia interna e gli spazi di confronto. L’autonomia di giudizio e di pensiero, l’esigenza legittima di uscire da uno stallo indotto – ha concluso la Merra – non possono essere scambiati per insubordinazione e indisciplina”.

Il servizio della Nuova Tg sullo scontro via social tra la Merra e Bardi, con tutti gli scenari che ne conseguono.

Delle dimissioni annunciate dall’assessore Merra abbiamo parlato anche nell’edizione della Nuova del Sud di ieri, scaricabile gratuitamente qui.