Metapontino, fragole lasciate tristemente marcire. Campagna tra le più negative degli ultimi anni

SCANZANO J. -Numerosi produttori di fragole del Metapontino stanno abbandonando il prodotto nei campi per la scarsa remunerazione e soprattutto per la mancanza di personale necessario alla raccolta. Il grido d’allarme parte dalla CiaAgricoltori di Matera-Metapontino secondo cui la campagna 2019, giunta al 60 per cento della raccolta, si caratterizza tra le più negative degli ultimi anni. E’ l’Ismea che certifica che nei giorni scorsi (dopo le festività pasquali) i prezzi delle fragole sui mercati del Metapontino hanno toccato 1,25 euro/kg per il prodotto comune e 1,90 euro/kg per la Candonga mentre si risente fortemente dell’inadeguatezza di offerta di manodopera stagionale, da queste parti in particolare formata da lavoratori extraregionali ed extracomunitari. Se a questo si aggiunge il solito fenomeno della concorrenza spietata dal Nord Africa con fragole vendute all’ingrosso sui mercati italiani ad un quarto del prezzo della Candonga del Metapontino e mercati invasi di fragole della Spagna “taroccate” e spacciate per fragole del Metapontino, si rischia il “colpo di grazia” alla nostra produzione della fragola.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”