Moliterno, divieto in ingresso e in uscita. Sospese le attività nell’ospedale di Villa d’Agri

MOLITERNO – Cinque casi rilevati nel giro di 48 ore. A Moliterno la situazione si fa sempre più seria.

Prima l’insegnante 57enne, ricoverata al San Carlo con sintomi, poi il marito che è un medico che lavora nel reparto di Pneumologia nell’ospedale di Villa d’Agri e la figlia trentenne. Contagiate anche altre due colleghe della 57enne, anche se ancora non è chiaro da dove sia partito il focolaio. Sarebbero entrate in contatto tra di loro il nove marzo. Una delle due sarebbe stata a Milano in questi giorni.

In ogni caso medico, figlia e colleghe della maestra si trovano nelle proprie abitazioni in isolamento domiciliare. Intanto il sindaco Tancredi ha concordato con il presidente della Regione l’isolamento del proprio comune. Divieto di entrata ed uscita. Contestualmente si sta procedendo alla sanificazione del centro abitato e degli uffici pubblici. E presto si interverrà anche nelle aree rurali moliternesi. Operazioni previste queste anche nell’ospedale di Villa d’Agri nella giornata di giovedì. Qui lo pneumologo sarebbe stato di turno mercoledì scorso, notizia che ha immediatamente allarmato i sindaci dell’area, come quello di Sant’Arcangelo. E come lui anche altri amministratori, da Satriano a Corleto Perticara fino a San Chirico Raparo hanno esteso l’invito ai propri cittadini di comunicare eventuali visite effettuate nel reparto di Pneumologia e di restare assolutamente a casa.