Muro Lucano, prime interruzioni del servizio idrico. Setaro annuncia battaglia

MURO LUCANO – Non è estate se non c’è acqua. Lo sanno bene a Muro Lucano dove, seppure con un mese di ritardo rispetto all’anno scorso, sono iniziate ad arrivare le prime comunicazioni a firma di Acquedotto Lucano, concernenti l’esigenza di ripristinare il livello dei serbatoi e conseguenzialmente di interrompere il servizio ordinario di erogazione di acqua. Tutti i giorni, sospensione dalle 18 alle 7 del mattino successivo “salvo imprevisti”, nel centro abitato, nelle contrade Cupa, Piani Pagani, Piani, Serra del Vento, Fontana Venezia, Serrone, Pascone e zone limitrofe. A giorni alterni, invece, nelle contrade San Vito, San Leonardo e Piani Ferrara dalle ore 11 alle ore 7 del mattino successivo. Fino a nuova comunicazione. Anche se secondo il sindaco Giovanni Setaro, insediatosi da circa un mese, il problema sarebbe addirittura “quotidiano”. Qualche settimana fa, insieme al sindaco di Bella Leonardo Sabato, si è recato in Contrada Malta sul cantiere di Acquedotto Lucano per verificare lo stato di avanzamento dei lavori di realizzazione di due nuovi pozzi, per guardare all’estate prossima con maggiore ottimismo. Entrambi, si stima, con una capacità di 25 litri al minuto. Tuttavia è lo stesso primo cittadino a “smorzare l’entusiasmo” già sul nascere. Perché ad una maggiore dotazione di acqua, corrisponderanno anche più perdite.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Michelangelo Russo