Oliveto Lucano, venduta la prima “Casa a 1 euro”

“Una notizia che non può che far piacere alla comunità”. Così il sindaco di Oliveto Lucano commenta la vendita della prima "Casa a 1 euro".
“Una notizia che non può che far piacere alla comunità”. Così il sindaco di Oliveto Lucano commenta la vendita della prima "Casa a 1 euro".
Venduta ad una famiglia originaria di Oliveto Lucano, che attualmente vive a Roma, la prima “Casa a 1 euro”.

OLIVETO LUCANO – “Una notizia che non può che far piacere alla nostra piccola comunità”. Così il sindaco di Oliveto Lucano, Nicola Terranova, ha commentato la prima vendita di un immobile al prezzo di 1 euro, grazie all’iniziativa chiamata appunto “Case a 1 euro”. L’iniziativa è nata – sulla scia di altre iniziative similari in Italia – dall’esigenza di recuperare e valorizzare gli immobili abbandonati e restituirli alla loro funzione, soprattutto abitativa, al fine di arginare il fenomeno dello spopolamento.

Ovviando anche al pericolo rappresentato, soprattutto nel centro storico, dagli immobili abbandonati e non soggetti a manutenzione, che spesso hanno costretto l’amministrazione ad emanare ordinanze di chiusura di vicoli e strade.

“Mi è stato comunicato dagli stessi proprietari – ha raccontato il sindaco -, che l’acquisto è avvenuto da parte di una famiglia che vive a Roma, originaria di Oliveto, che vorrebbe trascorrere insieme ai figli alcuni periodi dell’anno nel nostro paese. Come amministrazione avevamo pensato un bando che mettesse l’Ente, attraverso una manifestazione di interesse, nelle condizioni di essere intermediario, favorendo l’incontro tra domanda e offerta”.

Arginare lo spopolamento del borgo di Oliveto lucano grazie all’iniziativa “Case a 1 euro”

“Ad oggi il bando prevede che il Comune possa agevolare queste transazioni e il recupero delle abitazioni mettendo a disposizione la struttura comunale con il supporto dell’ufficio tecnico – ha proseguito il sindaco Terranova -, un piccolissimo aiuto nell’abbuono della tassa occupazione suolo pubblico durante i lavori di riqualificazione degli immobili. Qualora dovessero aggiungersi altre transazioni abbiamo già ipotizzato un’eventuale riduzione di tasse per quanti decidessero di investire ad Oliveto. Crediamo – ha concluso – che ci siano reali possibilità per il recupero e la riqualificazione urbanistico-edilizia del centro storico, patrimonio di notevole interesse pubblico e di bellezza architettonica”.

Leggi anche:

Spaccio di hashish e marijuana, quattro arresti a Palazzo San Gervasio