15 Oct 2019
BREAKING NEWS
Home / Cronaca Giudiziaria  / Patenti facili, nelle carte dell’inchiesta in Campania spunta anche il nome di Zaza

Patenti facili, nelle carte dell’inchiesta in Campania spunta anche il nome di Zaza

POTENZA – C’è anche un’intercettazione che chiama in causa il calciatore lucano del Torino, Simone Zaza, nelle carte dell’inchiesta della procura di Santa Maria Capua Vetere sulle “patenti false” che ha portato a tredici arresti. Prima di chiarire i termini della questione è d’obbligo una precisazione: l’attaccante originario di Policoro non è indagato, ma viene soltanto citato da due dei personaggi coinvolti nell’inchiesta affidata dai magistrati casertani alla polizia. Zaza non ha mai preso la patente e dalla conversazione dell’intercettazione captata dagli inquirenti emerge come nel 2015 avrebbe cercato una scorciatoia per ottenerla, attraverso una scuola guida del Casertano (di Marcianise in particolare), il cui titolare vantava ottimi “uffici” con la Motorizzazione Civile. Nell’intercettazione telefonica, uno dei personaggi coinvolti nell’inchiesta cercherebbe di inserire «il cliente vip» in una sessione d’esame.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”