Perseguitava e maltrattava il padre, ai domiciliari 29enne di Matera

MATERA – Perseguitava il padre con maltrattamenti, violenze e continue richieste di denaro. Per questo un 29enne materano è stato posto ai domiciliari in una struttura terapeutica, a seguito di un’ordinanza eseguita dagli agenti della polizia di Matera, su provvedimento emesso dal gip del Tribunale. L’ipotesi di reato nei confronti dell’uomo è di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e atti persecutori aggravati.

Dall’attività d’indagine è emerso che l’uomo avrebbe tenuto un comportamento vessatorio nei confronti del padre, offendendolo e minacciandolo ripetutamente, al fine di ottenere somme di denaro.

Anche in luogo pubblico, il suo comportamento era simile: lo scorso marzo mentre era in macchina con il padre, nel corso dell’ennesimo litigio causato dalle continue pretese di danaro, dopo aver offeso il genitore, lo avrebbe aggredito con pugni alla nuca e alla spalla, costringendolo a fare ricorso alle cure dei sanitari.

Dopo essere stato allontanato dalla casa paterna, nel successivo mese di aprile, avrebbe continuato a pretendere denaro e a perseguitare il genitore. Ad agosto, avrebbe citofonato in piena notte a casa del padre. Una volta entrato nell’abitazione, avrebbe proseguito nella sua condotta violenta, danneggiando alcune suppellettili. Tali comportamenti hanno ingenerato nella persona offesa un fondato timore per la sua incolumità, costringendola a cambiare abitudini di vita.