Petrolio, con Total trattativa a buon punto. Strada in salita con Eni

POTENZA- Non sarà il giorno della firma. Ma sarà un passaggio cruciale. L’accordo, almeno dal punto di vista economico, viene infatti dato per chiuso. E tra Regione Basilicata e Total continua il via vai di incartamenti da leggere e rileggere a ogni virgola cambiata. Per la sottoscrizione ufficiale servirà ancora qualche giorno, ma intanto domani in viale Verrastro si consumerà un’altra importante puntata. E’ infatti previsto un doppio tavolo che sarà chiamato ad affrontare tutti i nodi occupazionali aperti su Tempa Rossa e dintorni. Con un occhio al passato ma soprattutto più di uno rivolti al futuro. Il primo sarà con i sindacati, il secondo con la compagnia petrolifera francese. In particolare, viste anche le prese di posizione nette arrivate nelle settimane scorse da Cgil, Cisl e Uil di Basilicata, in Regione si attende un documento dettagliato delle richieste da mettere poi sul tavolo di Total. Un documento sul quale apporre anche la propria firma. Subito dopo, infatti, si aprirà un secondo tavolo, questa volta con la società francese e, soprattutto, anche con Tecnimont, che è stata a sua volta convocata proprio per affrontare di petto, e alla presenza della compagnia petrolifera, la questione dei crediti maturati dalle imprese locali che hanno lavorato in subappalto e che non hanno ancora ricevuto quanto dovuto.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Dario Cennamo