Potenza, Cannizzaro presidente del consiglio. Andretta alla fine si accoda

POTENZA- C’è chi, tra le fila della minoranza, parla di una vera e propria farsa ritenendo l’elezione di Francesco Cannizzaro alla presidenza del Consiglio comunale di Potenza un passaggio già deciso e fagogitato. In effetti la fumata bianca, con 27 voti e 4 schede bianche c’è stata alla quarta tornata complessiva – la terza di giornata – al termine di un lungo tira e molla tra maggioranza e opposizione. Pare che a sbloccare la situazione sia stata la candidata sindaca del centrosinistra, Bianca Andretta, che ha sostenuto con il proprio gruppo il consigliere della lista civica di centrodestra collegata al sindaco Guarente. Ricordiamo che servivano i due terzi dei voti, quindi fondamentale l’apporto dei consiglieri di opposizione. I lavori partiti alle 8.30 hanno subito uno stop poco prima delle dieci. Schietto l’intervento del consigliere Valerio Tramutoli: “non avendo riscontrato alcuna volontà di modificare un metodo che ha portato la maggioranza ad arrivare in quest’aula con le persone e i ruoli già decisi a priori, non cambieremo la nostra posizione”.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”