Potenza, cinghiali a spasso nel parco dove c’è una scuola. La rabbia dei cittadini

POTENZA – La situazione diventa sempre più insostenibile, con continue segnalazioni via social relative agli avvistamenti, in diverse aree, di gruppi di cinghiali al pascolo, decisi a quanto pare a prendere la residenza a Potenza.

Nonostante le sollecitazioni del sindaco Guarente che ha chiesto alla Regione interventi immediati, il problema della presenza degli ungulati continua a rappresentare un pericolo per automobilisti e pedoni tanto che nei giorni scorsi qualcuno ha postato il fotomontaggio della statua in piazza 18 agosto, al posto del leone, il re degli ungulati. Dopo il piazzale dell’ospedale San Carlo, la scuola, la banchina della stazione Superiore delle ferrovie e l’incrocio che porta tra Poggio tre galli e Malvaccaro, adesso anche il parco Baden powell.

Con rabbia e preoccupazione dei cittadini, la denuncia via Facebook arriva da Mimmo Lavanga presidente del Csi che sottolinea come dice “l’impotenza istituzionale rispetto ad un problema grave in considerazione della presenza nel parco di un istituto comprensivo con alunni da 3 anni ai 12 anni”. La scorsa settimana l’assessore Galella ha annunciato lo stanziamento di 200mila euro complessivi per tutti i Comuni in emergenza, fondi che secondo la Cia agricoltori non servono a risolvere il problema. Per l’associazione serve un piano per l’abbattimento per contrastare la proliferazione degli ungulati, la cui popolazione stimata sul territorio lucano, circa 100mila capi, rappresenta un caso raro in Italia.