Potenza, ex Covo degli Arditi: ecco il progetto per cambiargli il “volto”

POTENZA – È Luca Zecchin, architetto di Padova, il vincitore del concorso per la rigenerazione urbana dell’ex Covo degli Arditi di Potenza indetto a luglio 2019 dalla Cgil Basilicata nell’ambito del progetto Luumi (Laboratorio Urbano Umano in Materia di Innovazione).

Ieri la premiazione a Potenza nella sede del Comincenter, al Campus universitario Unibas di Macchia Romana. Il progetto prevede la realizzazione di un “creative urban center” con il recupero dei piazzali d’ingresso, sia del versante sud sia del versante nord, che diventano piazza – giardino e l’accesso agli spazi di laboratorio, coworking, sala eventi e sala conferenze tramite il recupero della galleria.

Sei in totale le proposte pervenute e valutate da una giuria composta da tecnici, architetti, esperti di rigenerazione urbana, umanisti. Secondi classificati gli architetti potentini Emma Allegretti e Paolo Cantisani, terzi Cosimo De Angelis e Antonella Maria Norberta Distilo per la De Angelis Destilo Architetti, al quarto posto Giuliana Liscio di Potenza e a seguire la potentina Carmen D’Andrea, Ilde Marino e Gabriele Becattini di Firenze. L’iniziativa, realizzata nell’ambito della manifestazione “Un mondo nuovo, le giornate del lavoro della Cgil Basilicata”, si colloca in un percorso più ampio di ricerca sociale e stimolo della partecipazione attiva delle comunità locali ai progetti di co-creazione.