Potenza, nuove rotatorie: genitori neri e vigili nel mirino

POTENZA – L’assessore alla Mobilità Gerardo Bellettieri dai microfoni dei notiziari regionali aveva chiesto ai potentini di modificare le proprie abitudini in termini di percorsi stradali per raggiungere il posto di lavoro o casa, per snellire il traffico e fruire appieno delle nuove possibilità offerte dalle rotatorie. Ma ieri, al terzo giorno di apertura, il secondo dall’inizio delle scuole le cose non sono andate meglio. Specie negli orari di punta. Accompagnare o andare a prendere un figlio a scuola sta diventando un incubo per i genitori potentini, letteralmente imbufaliti al volante. I nodi più problematici restano l’intersezione tra via Milano e viale Firenze e il rondò davanti al Tazza d’oro. Non va molto meglio tra via Ligure e via Anzio. Le difficoltà maggiori le accusano gli autobus urbani ed extraurbani nel fare manovra davanti piazza Don Bosco. E anche gli agenti della polizia locale faticano a contenere gli improperi di chi è alla guida tanto da sentirsi impotenti e lanciare proprio agli utenti un sos.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”