Potenza, tutti parlano del nuovo stadio. Ma al Viviani ci vanno in 2.800

POTENZA- Stadio o arena? Non è più un interrogativo banale, soprattutto non è più un semplice schierarsi a favore del vecchio Viviani o del futuristico progetto pensato dal Potenza calcio.

Il nuovo sport, a Potenza, è diventato quello di esprimere opinioni, snocciolare tecnicismi, citare normative. E infine arringare la piazza. Con forza. Masticandosi denti e gengive fino a farle sanguinare. In città da giorni non si parla di altro: nuovo stadio, Lions Arena, Cip Zoo, studio di fattibilità. In questo gozzoviglio di esperti di ogni materia, devi prendere posizione. O sei pro stadio o sei contro. O sei per la Lions Arena o per il parco. O sei per lo sviluppo della città o sei un conservatore. O sei un nostro amico, o sei il più acerrimo nemico. Potenza è diventata una giungla. La presentazione del progetto del club cittadino sul nuovo stadio, all’alba del nuovo decennio, ha avuto il delicato effetto di un detonatore. Il disegno, tra visione futuristica e urgenza contemporanea, è stato accolto da reazioni bipolari.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Luigi Santopietro