Povertà relativa, sempre più lucani non riescono ad arrivare a fine mese

POTENZA – Nell’anno della pandemia sono aumentate a dismisura le famiglie lucane che faticano ad arrivare a fine mese. Salgono dal 15,8% al 23,4% i nuclei che convivono in condizioni di povertà relativa secondo l’Istat. Dato che ci costa anche il triste primato nazionale.

Proprio mentre pare che il Mezzogiorno “a due cifre” sia riuscito a contenere il calo (dal 21,1 al 18,3%). Ci fanno compagnia nella parte bassa della classificata altre realtà come Calabria e Campania. Peggiora la situazione anche in altre sei regioni, cinque delle quali al Nord.

Maggiori dettagli nell’edizione cartacea de La Nuova del Sud di oggi, giovedì 17 Giugno