27 May 2019
BREAKING NEWS
Home / Apertura  / Regionali 2019, la partita a scacchi nel Pd è appena iniziata

Regionali 2019, la partita a scacchi nel Pd è appena iniziata

POTENZA- Il giorno dopo per fare le dovute valutazioni. Per soppesare le eventuali chiavi politiche o recuperare le più semplici constatazioni. A mente lucida e con la possibilità di verificare l’effetto dei passi mossi il giorno prima in occasione del vertice di consiglieri ed assessori Pd, il primo dopo mesi di silenzi. Il primo in cui si è parlato di elezioni regionali. La domenica di ieri per gli esponenti del Partito democratico di Basilicata è servita anche a questo. Tanto per i presenti, assessori e consiglieri dem, quanto per gli assenti, parlamentari e presidente Pittella. Da analizzare in primis la linea politica tracciata nella riunione di gruppo Pd. Che ha così previsto: un nuovo vertice alla presenza del presidente Pittella con il chiaro intento di renderlo protagonista del dibattito e delle scelte future ma anche la possibilità di aprire ad un’ampia coalizione di centro sinistra ancor prima di guardare ai candidati e che punta ad arrivare all’assemblea del 16 novembre con una precisa strategia politica da presentare al resto dell’organismo assembleare. Punti fermi da cui ripartire dopo mesi di silenzi e assenza di visioni e prospettive future. Ma nell’ambito delle post-valutazioni sembra sia stato riservato un posto anche allo strappo del consigliere Piero Lacorazza. Che con la ”mossa” dell’autosospensione avrebbe iniziato a guardare alla possibilità di percorrere una strada alternativa, che non è escluso possa portarlo a viaggiare in solitaria in vista delle regionali.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Mara Risola