23 May 2019
BREAKING NEWS
Home / Apertura  / Regionali, Lega: guerra di campanili tra Matera e Potenza

Regionali, Lega: guerra di campanili tra Matera e Potenza

POTENZA – “No a fughe in avanti”. Passi se a dirlo è una componente alleata. Ma se a farlo è uno dei leader dello stesso partito, allora vuol dire che manca una linea uniforme. Sono trascorse appena 24 ore dall’intervista rilasciata dal segretario della Lega di Basilicata Antonio Cappiello a La Nuova del Sud e immediatamente il coordinatore cittadino di Potenza Mario Guarente interviene, forse perché “toccato” nella sua “potentinità”. Quel passaggio sul “candidato governatore leghista e materano” il consigliere comunale di Potenza non sembra proprio averlo digerito. E mentre Berlusconi, Salvini e Meloni provano a gettare le basi per la realizzazione di un polo “sperimentale” proprio qui, in Basilicata saltano di nuovo gli equilibri nella compagine “verde”. Nessuna guerra in atto tra Pepe e Cappiello. “Semmai il dibattito c’è tra Cappiello e Cappiello – attacca Guarente – . Ma è arrivato il momento in cui bisogna dire basta. Io sono il segretario di Potenza, sono potentino doc e sono innamorato della mia terra. Quindi, sentirmi dire continuamente che il candidato deve essere di Matera e che deve combattere lo strapotere potentino non mi sembra una cosa logica”.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Michelangelo Russo