Regionali, Pittella: con Leu non è chiusa. “Ci saranno ancora mille tavoli”

POTENZA- Leu chiude, Pittella apre o comunque prova a non congelare la fase di dialogo. Ottenuto l’ok in larghissima maggioranza dal Pd, il governatore non sembra affatto turbato dall’andamento della trattativa in corso con Liberi e uguali, che avrebbe subito una brusca frenata proprio all’indomani dell’endorsement incassato in assemblea. Roberto Speranza, Giannino Romaniello e Giovanni Petruzzi hanno apertamente contestato la decisione assunta da renziani e affini in vista delle regionali, asserendo di essere pronti a controbattere, promuovendo “una coalizione popolare alternativa che dia forza e rappresentanza ai progressisti e democratici, nonché alle forze civiche e ambientaliste”. Ma da San Fele, dove si è recato in visita alle cascate, Pittella lancia segnali opposti, limitandosi semplicemente a riconoscere che allo stato attuale vi è “una diversità di vedute”.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Michelangelo Russo