Regionali, Zingaretti a Potenza: “Lucani difendete la vostra bella terra”

POTENZA- Ha scelto Potenza per la sua prima uscita ufficiale da segretario nazionale del Partito democratico. Ha scelto piazza Don Bosco per sostenere la candidatura a presidente della Regione di Carlo Trerotola. Ed è stato un intervento appassionato quello di Nicola Zingaretti. Sul palco, insieme a lui, Vito Giuzio, presidente regionale del Pd, e Trerotola. «La presenza di Zingaretti – ha detto il candidato governatore del centrosinistra – è uno stimolo a vincere la sfida contro populismo e qualunquismo». «Ogni giorno con voi è un buon giorno» ha aggiunto rivolgendosi alla piazza. Poi, rivolgendosi ancora a Zingaretti, «io non sono un politico – ha detto – ma vorrei essere esempio di una politica avveduta. Amo questa regione, credo nei valori di questa coalizione». Quindi l’affondo sull’autonomia differenziata. Perché, ha detto, «non vogliamo una secessione, una frattura Nord-Sud, la Basilicata non è una regione di serie b». Quindi l’attacco a Salvini: «Non basta indossare maglietta con le scritte Lauria o Potenza per essere lucani, noi non abbiamo Eni come sponsor. Questa Lega Nord è la peggiore destra mai esistita, noi non dimentichiamo insulti subiti per anni e quando ci volevano riempire di scorie nucleari». Parole alle quali è seguito l’intervento di Zingaretti che per prima cosa ha voluto sottolineare «l’unità ritrovata» nel centrosinistra. E quindi il «grazie per la passione che avete messo rispetto alle divisioni e per l’amore rispetto a una terra che vi ha portato ad unirvi».

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”