Regione, i buoni propositi di Bardi: “Medicina nel 2021. Aeroporto entro l’anno”

POTENZA – Per mantenere fede a quanto promesso in campagna elettorale, partendo finanche dalla stessa retorica, la parola più utilizzata dal governatore della Regione Basilicata Vito Bardi in occasione della conferenza stampa di ieri, è stata cambiamento.

«Stiamo lavorando per il cambiamento». «Il cambiamento è ora». «Questo è un altro segnale del cambiamento intrapreso». L’occasione di ieri è servita al governatore per illustrare quanto fatto in questi otto mesi di inizio legislatura, «sono stati mesi di studio e di rodaggio della macchina amministrativa. Abbiamo avuto un periodo di abbrivio (utilizzando il gergo marinaresco) per la prima volta dopo tanti anni ci siamo trovati a governare e abbiamo dovuto inserirci in un contesto difficile». Il momento è stato utile anche per fare il punto sulle progettualità in cantiere per questo nuovo anno. A partire dalla mancata copertura finanziaria dell’ente regionale di Basilicata, con un bilancio da approvare massimo entro il mese di febbraio. In cantiere anche un progetto nel cassetto legato alla realizzazione di un aeroporto in Basilicata, la facoltà di Medicina che si farà a partire da un iter burocratico che prenderà il via il prossimo anno. La trattativa con Eni da riprendere a breve, i risultati da traguardare in ambito sanitario, dei trasporti, le garanzie occupazionali per Fca e indotto, l’’Irccs per il Crob, i trasporti.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Mara Risola