16 Jul 2019
BREAKING NEWS
Home / Apertura  / Regione, i dirigenti di Pittella non mollano le poltrone

Regione, i dirigenti di Pittella non mollano le poltrone

POTENZA- Ci vorrebbe un vigile per regolamentare il traffico di questuanti che si addensano sul telefono e nella stanza del neo presidente della Regione, Vito Bardi. I profili sono i più disparati. Ci sono quelli che da sempre sono ai vertici di qualche ente o di qualche organismo pubblico e non mancano le truppe di coloro che ritengono di non essere da meno rispetto ai privilegiati del passato. Non si può fare la distinzione dell’appartenenza, perchè i colori politici si confondono e l’arcobaleno che ne deriva è davvero sgradevole. Intanto, chi pensava in qualche azione dignitosa degli attuali dirigenti, che per garbo istituzionale, avrebbero dovuto rimettere il mandato nelle mani del nuovo Presidente è rimasto deluso. Tutti indifferenti, tutti rigidamente attaccati all’incarico. Non si smuovono neppure con le classiche cannonate. Eppure, lo spoils system, il cosiddetto sistema del bottino, una pratica politica, nata negli Stati Uniti d’America tra il 1820 e il 1865, secondo cui gli alti dirigenti della pubblica amministrazione cambiano con il cambiare del governo, dovrebbe necessariamente essere attuato anche in Basilicata. Le premesse, almeno politiche, ci sono tutte. Dice il senatore leghista Pasquale Pepe: ”Se fosse per me lo farei al cento per cento”.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”