13 Dec 2019
BREAKING NEWS
Home / Cronaca  / Rifiuti, con la Taric a Potenza si sperimenta la spazzatura pagata a peso

Rifiuti, con la Taric a Potenza si sperimenta la spazzatura pagata a peso

POTENZA – L’Acta, in alcune zone di Potenza, sperimenterà dal prossimo 3 settembre la raccolta della frazione indifferenziata con i codici identificativi sui sacchetti, per modulare la Taric (Tariffa rifiuti corrispettiva) in base ai quantitativi prodotti da ogni nucleo familiare, che porterà a sconti della tariffa se non si supera un determinato livello, e aggravi in caso contrario. E’ quanto hanno spiegato ieri mattina, a Potenza, l’assessore comunale all’ambiente, Alessandro Galella, e l’amministratore unico dell’Acta, Roberto Spera. La Taric è la ”tariffazione puntuale del Rur (rifiuto urbano residuo)”, per calcolare il quantitativo di ”non differenziabile”, che ogni famiglia produce e conferisce, in modo da personalizzare la tassa sui rifiuti in base al peso. La sperimentazione riguarderà milleottocento utenze (circa cinquemila abitanti) in via Scotellaro, via Danzi, via Stigliani, via Alianello, piazza Albino Pierro, via Calice, via Campanile, via Lisbona, via Londra, via Parigi, via Vienna, via Varsavia, via Madrid, via Lussemburgo, via Atene, via Dublino, via Amsterdam, via Stoccolma, contrada Poggio Tre Galli, contrada Malvaccaro e via dei Molinari.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”