17 Nov 2019
BREAKING NEWS
Home / Cronaca Giudiziaria  / Rifiuti, giunta Adduce a Matera dovrà risarcire 1,4 milioni

Rifiuti, giunta Adduce a Matera dovrà risarcire 1,4 milioni

MATERA – Sette condanne e tre assoluzioni. Si è chiuso così il processo davanti alla Corte dei conti relativo al danno erariale causato dalla lievitazione dei costi per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani nella città di Matera. E per l’ex giunta Adduce il conto è decisamente “salato”: l’ex sindaco e i suoi assessori sono stati infatti condannati a risarcire 1,4 milioni di euro. Sentenza contro la quale le difese hanno già annunciato appello. Queste le ripartizioni del danno secondo i giudici contabili: all’allora primo cittadino è imputabile la quota di 190mila euro, così come all’ex assessore Rocco Rivelli. Per gli altri tre ex assessori, Sergio Cappella, Nicola Trombetta e Giuseppe Tragni (gli ultimi due ricoprono di nuovo il ruolo di assessore nell’attuale giunta De Ruggieri) si scende a poco più di 63mila euro. Gli altri due imputati condannati al risarcimento del danno sono il presidente della commissione giudicatrice, Francesco Paolo Gravina (286mila euro) e il dirigente comunale Giuseppe Montemurro (572mila euro). Assolti, invece, gli altri tre componenti della commissione, Mario Petrella, Nicola Sciarra e Giancarlo Tonelli, “per mancanza di nesso di causalità tra il comportamento loro contestato e il danno”.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Fabrizio Di Vito