Rionero, nel cimitero degli orrori non c’era un registro tumulazioni

RIONERO – Compravendita di loculi, estumulazioni illecite e nessun registro cimiteriale.

Secondo la procura di Potenza l’imprenditore Emilio Aiuola avrebbe per anni gestito il cimitero di Rionero in Vulture in totale autonomia, con la complicità dei funzionari comunali che pur sapendo, non avrebbero mosso un dito per cambiare le cose. Tornando ai registri cimiteriali ad esempio, dalle indagini è emerso come Aiuola non li abbia mai avuti e che per anni gli stessi non gli sono mai stati chiesti dai funzionari del Comune. Emblematica, per gli inquirenti, è la conversazione tra lo stesso Aiuola e la figlia Carmela…

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Fabrizio Di Vito