Rmi, gli ex Copes di Montescaglioso si appellano al Consiglio di Stato

MONTESCAGLIOSO – Parte da Montescaglioso una nuova controffensiva da parte degli esclusi dal programma del Reddito Minimo di Inserimento. Gli ex Copes di Montescaglioso, infatti, assistiti dall’avvocato Rocco Ditaranto, insistono nella impugnazione del bando regionale sul Rmi e portano la vicenda all’esame del Consiglio di Stato che intanto li ha già ammessi al gratuito patrocinio ritenendo il ricorso ”non manifestamente infondato”. ”L’eventuale accoglimento dell’appello, con il conseguente annullamento delle graduatorie – si legge nella nota diffusa dal comitato degli ex Copes di Montescaglioso potrebbe riscrivere la storia sulla legittimità degli interventi di contrasto alla povertà che hanno interessato circa diecimila famiglie nella nostra regione”. Sul reddito minimo di inserimento, però, sta per calare definitivamente il sipario, dal momento che nelle scorse settimane la Regione Basilicata aveva evidenziato l’incompatibilità tra la misura di sostegno al reddito varata negli anni scorsi con i soldi delle royalties del petrolio e il Reddito di cittadinanza voluto dal Movimento 5 Stelle.