San Carlo, la verità di Barresi: “Lunedì si riapre”

POTENZA – “Sa una cosa? E’ come l’11 settembre: dopo non è stato tutto come prima. Ecco, dopo il Covid non è tutto come prima. Gli utenti hanno ragione, ma pensi se favorissimo il focolaio in uno dei nostri 5 presidi ospedalieri tipo Alzano o Codogno: cosa sarebbe successo in questa regione? I cittadini devono anche capire che è stato fatto un grande lavoro di prevenzione. E che sta continuando. Non vogliamo certo farli tornare a casa con il Covid…”.

Massimo Barresi è diretto. Non ci sta a incassare solo critiche per la falsa ripartenza dell’ospedale San Carlo dopo la scure del Coronavirus.

Le visite non ancora a pieno regime, esami che saltano, ricoveri ed interventi a ritmo ridotto continuano ad essere il segno di una normalizzazione che fatica ad arrivare. “Ma per lunedì prossimo 8 giugno – dice il direttore generale – contiamo di riaprire tutti gli ambulatori come pure l’attività operatoria. E sarà anche possibile prenotare ed accedere all’attività intramoenia”.
Direttore Barresi, qual è la situazione ad oggi al San Carlo? Dal 12 maggio sono ripartite solo alcune attività ma l’utenza lamenta ritardi e disservizi continui…
La situazione è che ad oggi, ogni giorno, incrementiamo l’offerta ambulatoriale. E progressivamente stiamo arrivando a soddisfare tutta quella precedente al fenomeno Covid.
Quindi?
Quindi per lunedì prossimo 8 giugno contiamo di riaprire tutti gli ambulatori come pure l’attività operatoria e in seguito ad un incontro avuto oggi (ieri, ndr) da lunedì sarà anche possibile prenotare ed accedere all’attività intramoenia.

L’intervista integrale sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Celestino Benedetto