Sanità, bufera sul disegno del centrodestra. Basilicata Possibile: “Dea a Policoro? E’ il pagamento di una cambiale elettorale”

POTENZA – “La ciliegina sulla torta? Il nuovo ospedale Dea di primo livello, che, se dovesse coincidere con l’ospedale di Policoro, che dista solo 45 minuti da Matera, sembrerebbe rispondere più al pagamento di una cambiale elettorale che ad una strategia di reale riordino e riequilibrio della sanità sul territorio regionale”.

Parole dure a corredo di una riforma sanitaria ancora work in progress. Un riordino immaginato in un disegno di legge sul quale, anche la maggioranza di centrodestra sembra abbastanza perplessa.

Negativo il giudizio della compagine politica La Basilicata Possibile che fa il punto in una nota, su quello che potrebbe essere il nuovo sistema ospedaliero partendo dalla possibilità di istituire appunto un Dea di I livello anche a Policoro. Cittadina di provenienza dell’assessore Leone a cui, lo ricordiamo, durante il lockdown era stata destinata una delle due strutture dell’ospedale da campo donato dal Qatar. Salvo poi ribaltare il “dono” a Matera per l’indisposizione dei policoresi ad accogliere il presidio nella loro cittadina.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Mara Risola