Sanità, dicevano “solo concorsi e prima i lucani”. Ma si scorrono le graduatorie da fuori regione

POTENZA – Visite non ancora a pieno regime, ricoveri non effettuati, esami strumentali che saltano.

E poi ancora ritardi e continue lamentele. All’ospedale San Carlo non sembra essere cambiato granchè rispetto alle annunciate “buone intenzioni” di qualche giorno fa.

Anzi, a distanza di quasi un mese dalle indicazioni relative alle riaperture delle attività ambulatoriali, la normalizzazione del post emergenza Covid-19 fatica ad arrivare. Eppure i casi dei contagi – bollettino alla mano – restituiscono giorno dopo giorno numeri sempre più positivi così come i pazienti ricoverati (solo 4 alle malattie infettive). Il dato di fatto incontrovertibile è che il maggior ospedale regionale stenta a ripartire. Anzi, registra una falsa ripartenza e continui disagi.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Celestino Benedetto