Sanità, disegno di riordino. Sindacati in coro: “Solita guerra per gli assetti di potere”

POTENZA – “Un vuoto assoluto. Disegno di riordino della sanità lucana? No, solo di assetti di potere”. E’ di totale insoddisfazione il giudizio di Cgil, Cisl e Uil sulla manovra di riordino immaginato dalla giunta Bardi.

“Un mero esercizio burocratico – spiegano Angelo Summa, Enrico Gambardella e Vincenzo Tortorelli – per rimettere mano ai soli assetti di potere all’interno delle aziende sanitarie”.

Le tre sigle sindacali hanno elaborato una contro-proposta: si parta dai contenuti e non dal contenitore – è il filo conduttore – visto che l’impianto del disegno di legge è carente di visione politica strategica, della capacità di lettura dei nuovi processi socio-sanitari e non coglie l’aspettativa dei cittadini.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Celestino Benedetto