Sanità, i cittadini preferiscono pagare piuttosto che aspettare. E’ boom della spesa privata

POTENZA- In Basilicata è boom della spesa sanitaria privata, con l’effetto immediato che per tutelare la salute i lucani mettono a rischio la “tasca”. Controlli medici, esami e interventi chirurgici se effettuati privatamente, del resto, se da un lato hanno un costo oneroso che non tutti possono permettersi, dall’altro hanno il vantaggio di garantire i risultati richiesti in tempi brevi. Ben più celeri dei tempi della sanità pubblica. Una situazione critica «effetto del modello di sanità targato centrosinistra». L’allarme arriva dal consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Giovanni Vizziello. «In Basilicata tra il 2017 e il 2018- scrive in una nota l’esponente della maggioranza di centrodestra che fa capo al governatore Vito Bardi- la spesa sanitaria privata è cresciuta dell’8 %, un dato nettamente superiore all’incremento medio che tale voce di spesa fa registrare invece nel Paese dove si registra una percentuale del 5,9% e che la dice lunga sull’incapacità del modello di sanità perpetrato in questi anni dal governo di centro sinistra di garantire i reali bisogni di salute dei lucani». La nota di Vizziello arriva a commento delle risultanze dell’indagine della Ragioneria Generale dello Stato relative al monitoraggio della spesa sanitaria nelle regioni italiane.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”