Scanzano Jonico, 150 quintali di liquami sversati abusivamente

SCANZANO JONICO – Prosegue senza soluzione di continuità l’attività di ispezione e monitoraggio del territorio da parte dei carabinieri forestali. Nel corso di specifiche perlustrazioni i militari delle stazioni di Scanzano Jonico e di Tursi hanno rinvenuto lo sversamento di liquami in località “Lido Torre”, nelle campagne di Scanzano Jonico. In un terreno agricolo limitrofo ad un rimboschimento, una persona alla guida di un trattore trainante un carrobotte, è stata sorpresa dai militari a scaricare liquami provenienti da allevamento zootecnico, priva di qualunque documentazione utile a legittimare il trasporto e le operazioni di spandimento. Lo sversamento, di circa 150 quintali di rifiuti liquidi, ha riguardato un’area di circa 4000 metri quadrati di proprietà dell’Alsia di Matera, ricadente in una zona sottoposta a vincolo paesaggistico ambientale. Il territorio del Comune di Scanzano Jonico rientra, inoltre, tra quelli designati dalla Regione Basilicata come “Aree vulnerabili all’inquinamento da nitrati di origine agricola”, per le quali è stato attuato un programma di Azione per disciplinare l’utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento. Pertanto, i Carabinieri Forestali hanno proceduto al sequestro del rimorchio agricolo e al deferimento all’Autorità Giudiziaria del proprietario dell’azienda zootecnica, committente del lavoro, e dell’esecutore materiale dell’illecito spandimento di liquami.