Scanzano Jonico, fino a 21 gradi: coltivazioni compromesse

SCANZANO JONICO – Un inverno così con temperature primaverili ed in alcuni giorni estive nel Metapontino non si era mai visto.

Domenica a Scanzano il termometro ha raggiunto i 21 gradi. Giornata adatta a fare un bagno ma non certamente utile per le aziende agricole che qui producono gran parte della Produzione Lorda Vendibile Agricola della regione. Gli agricoltori sono fortemente preoccupati per questo andamento climatico che dura da troppe settimane.

Giuseppe Stasi, che oltre ad essere produttore ortofrutticolo è il presidente della Cia-Agricoltori di Matera, ogni mattina appena sveglio corre nei campi e controlla le coltivazioni di pesche ed albicocche. “L’eccezionalità climatica che stiamo vivendo nel metapontino con alte temperature ben aldilà della media stagionale – dice Stasi – stanno anticipando la partenza della vegetazione delle piante e della fioritura in modo particolare delle drupace”. Anche le produzioni ortive – broccoli, cavoli, sedano, prezzemolo, finocchi, cicorie, bietole – risentono del clima pazzo e sono tutti maturati contemporaneamente per le temperature primaverili. Anche i cereali già seminati nei terreni ne risentono.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Arturo Giglio