Sci di fondo, il re del ghiaccio. L’impresa estrema di Larocca alla Rovaniemi 300

POTENZA – Il freddo. Il buio. La stanchezza. La nausea. La voglia di fermarsi. E poi andare avanti. Fino alla fine. Fino alla vittoria.

E’ difficile spiegare l’impresa di Pasquale Larocca, stando seduti su una comoda poltroncina, davanti a un computer. L’ultima “follia” del maestro di sci di Terranova del Pollino si chiama Rovaniemi 300 dove conquista il primo posto nella categoria Ski e il record di percorso.

Non è la prima volta che Larocca centra un successo di tale portata, c’era già riuscito sempre in Norvegia nella Rovaniemi 150, e poi anche in Alasaka in una prova di endurance che metterebbe a dura prova chiunque. Per la lunghezza, per le temperature, per le difficoltà che ogni giorno possono incontrarsi nelle terre estreme del Nord. Dopo la vittoria le prime parole dell’ultra-atleta lucano sono state queste: “Adesso ho capito perchè nella Rovaniemi 300 ci sono sempre tanti ritiri e solo tre sciatori sono riusciti a completarla”. Non è difficile immaginarlo. E a spiegarlo è lui stesso in una sorta di diario dell’impresa pubblicato sul proprio profilo facebook che fa capire perfettamente cosa ha passato in Lapponia.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”