Scuola, a Potenza la protesta degli studenti delle superiori

POTENZA – Si sentono “Dimenticati a distanza” (così hanno voluto scherzosamente modificare l’acronimo della Dad) i ragazzi delle scuole superiori di Potenza che si sono ritrovati davanti alla sede della Regione Basilicata per chiedere il rientro in classe in completa sicurezza. Tanti i nodi irrisolti secondo gli studenti, a cominciare dal trasporto pubblico.

I ragazzi hanno quindi chiesto «un rientro a scuola in maniera sicura, affinché sia tutelata la salute, e allo stesso tempo venga assicurato un diritto inalienabile come l’istruzione», uno «screening da noi espressamente richiesto, e non ancora attivato in alcuni comuni della nostra regione, tra cui proprio Potenza», e le «dimissioni dell’assessore regionale alla salute, Rocco Leone». Al momento, lo ricordiamo, il rientro in classe per le scuole superiori è previsto per il prossimo 1 febbraio.