Scuola e Unibas: due immagini rassicuranti

di Angelo Rosella*

La riapertura dell’anno scolastico in Basilicata come la ripresa dell’attività didattica all’Unibas, in attesa delle matricole, al di là dei tanti problemi di strutture, classi in meno e insegnanti in meno, servizi mensa e trasporti non sempre adeguati, ecc., presenta due immagini rassicuranti. La prima è quella dei ragazzi del Liceo Classico Duni di Matera che aiutano il personale del loro istituto nel trasloco. Un’immagine che testimonia l’impegno dei nostri giovani per la propria formazione, l’attaccamento alla propria scuola, un futuro di generazione che è chiamata a prendere le redini del futuro della nostra regione. La seconda è la testimonianza della rettrice dell’Unibas Sole sulla qualità della didattica e della ricerca da parte dell’Università lucana a Potenza e a Matera dei risultati positivi conseguiti da rapporti di istituti e dal gradimento degli studenti. Un incoraggiamento ai diplomati e alle loro famiglie a fidarsi dell’Unibas piuttosto che scegliere altri atenei caricando i bilanci familiari di una spesa gravosa. Le condizioni per il ritorno tra i banchi scolastici e universitari nonostante le tante e complesse questioni comunque da affrontare vanno interpretate da parte delle istituzioni, della politica, delle forze sociali come la sollecitazione ad occuparsi di più e meglio dell’istruzione e della formazione dei nostri ragazzi. Non basta il Piano annuale e comunale per il diritto allo studio, non bastano i contributi per i master post universitari, le misure affidate in gestione all’Ardsud. C’è bisogno prima di tutto di un approccio diverso e di politiche fortemente innovative per fare in modo che i nostri giovani una volta diplomati e laureati restino o tornino a casa. Ovviamente non esiste una formula magica ma ci sono vari strumenti per raggiungere questo obiettivo nella consapevolezza che la risorsa principale – le energie giovanili – non solo ci sono ma sono più avanti di quanto hanno fatto sinora Regione e politica.

*Segretario regionale IdV