Serie C, Matera escluso. Il sindaco si attiva

MATERA – Si sono spenti i riflettori sul Matera Calcio, almeno per quello che riguarda il campo. Il club biancazzurro è stato escluso dal campionato a seguito della quarta rinuncia, arrivata mercoledì sera contro la Cavese. Una ”morte” annunciata da settimane e che è arrivata come logica conseguenza dei troppi problemi societari che si sono succeduti nel corso di questi mesi. Un club strangolato dai debiti e dalle inadempienze ha finito per implodere, nonostante i tentativi da parte del presidente Lamberti di cercare di mettere qua e là delle pezze. Ma la falla a livello finanziario era talmente grande che non era oggettivamente possibile cercare di ristabilire l’ordine. Una cosa era certa, il Matera non aveva i requisiti per iscriversi al campionato, ma ai biancazzurri è stato consentito di prendere parte al torneo, salvo poi essere escluso per quei problemi che a luglio non sono stati considerati, o che si è fatto finta di non vedere. Ora che il Matera non c’è più, tutti si sentono in diritto di dire la propria. “Il Comune di Matera farà tutto quello che è nelle sue possibilità per evitare che la città sparisca dalla geografia del calcio nazionale”. E’ il messaggio lanciato dal sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, che annuncia la volontà da parte del governo cittadino di impegnarsi per cercare di dare soluzione al vuoto creato dall’esclusione della società sportiva Matera Calcio dal campionato di serie C. “La vicenda del Matera – spiega De Ruggieri – ha prodotto un danno di immagine enorme per la città, in un anno in cui la visibilità del brand Matera ha raggiunto il suo apice. La lunga tradizione del calcio materano non può finire in questo modo. Il Comune ha intenzione, sull’esempio di altre città, di avviare una procedura esplorativa per l’acquisizione di manifestazioni di interesse, da parte di società sportive, per l’iscrizione della squadra al campionato 2019- 2020, ai sensi dell’articolo 52 comma 10 delle Norme organizzative interne della Figc (Noif).

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”