Serie C, Picerno: missione salvezza. Conta solo vincere

PICERNO- Una sconfitta “Maledetta”. Intesa come modo di calciare la punizione da parte di Loviso che ha condannato il Picerno alla sconfitta nel match di andata dei play out.

Rossoblu “condannati” da un gol dal sangue lucano, visto che le origini del centrocampista sono di casa nostra con i genitori originari di Palazzo San Gervasio e Banzi. Un ko che ora “spinge” la formazione di mister Giacomarro verso la Serie D e che costringerà i rossoblu a dover vincere obbligatoriamente (con qualsiasi punteggio, nda) domani sera nella sfida di ritorno al “Viviani”.

Se alla vigilia del match, la classifica dava una mano ai melandrini, che avrebbero potuto giocare anche per due pareggi, ora il Rende ha ribaltato la situazione. In virtù del successo per 1-0, ora sono i calabresi che domani potranno giocare per due risultati su tre. Una sconfitta che è figlia della giornata poco brillante dei calciatori rossoblu, anche se nemmeno il Rende sembrava che scoppiasse di salute. I tre mesi di inattività, il grande caldo e l’elevata posta in palio, hanno finito per condizionare l’atteggiamento delle due squadre. Ritmi blandi, attendismo e un pizzico di paura hanno prevalso fin dai primi minuti.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Donato Valvano