Serie C, Potenza: mix di classe e mentalità operaia

POTENZA – Uno score di 45 gol in 87 partite: 25 perle in campionato nella prima stagione, 11 nella seconda, tre in questa, più una mezza dozzina di chicche sparse qua e là tra Coppe e play-off.

C’era un tempo, neanche tanto lontano, in cui il Potenza era letteralmente França-dipendente.

Il bomber brasiliano è sicuramente un valore aggiunto dei rossoblù, basti vedere la recente vittoria col Catanzaro, e quelle con Bisceglie e Vibonese targate CF9, ma adesso il Potenza ha iniziato a camminare anche con le proprie gambe dimostrando, rispetto alle passate stagioni di essere un gruppo omogeneo, con una distribuzione dei compiti, da quelli meno visibili di un difensore o di un mediano, a quelli più in luce di un trequartista o di un bomber, talmente ben calibrata da giustificare lo splendido quarto posto con 56 punti in 30 gare e un bellissimo panorama sulla zona podio dove Bari e Monopoli non possono più stare comodamente sedute. Lo stop forzato del campionato e della vita di noi tutti ci ha permesso di dare un’occhiata alle statistiche più grossolane di questa macchina messa su da mister Raffaele dove ognuno fa il suo.

Appr o f o ndimenti sull’edizi o ne cartacea de “La Nu o va del Sud”

di Luigi Santopietro