Serie D, Grumentum sprecone: solo un pari col Brindisi. Petraglia furioso

VILLA D’AGRI- Ancora rimpianti e punti preziosi smarriti sul terreno di gioco, tra le mura amiche.

E’ un punto che, alla fine, soddisfa soltanto il Brindisi. Occasione persa, questa volta per davvero per il Grumentum Val d’Agri, che impatta davanti al proprio pubblico per la terza gara di fila. Sinora è il campionato dell’equilibrio, con nove squadre coinvolte in sei lunghezze, ma prima o poi verrà il momento in cui i tre punti saranno sentenza ineludibile.

Come la voce di alcuni tifosi di casa che hanno contestato per la prima volta, con manifesta convinzione, il tecnico Finamore, manifestazioni di dissenso che seguono alle dichiarazioni del presidente Petraglia di otto giorni fa quando si espresse pubblicamente con ”formazione inappropriata”. E’ pur vero che il Brindisi che non vince da sette partite, ma nemmeno è l’ultima arrivata. Altri due punti persi per strada. Una costante negativa in questa stagione per il Grumentum, fermata sul pari davanti al suo pubblico, in uno scontro salvezza che andava assolutamente vinto. “I tifosi si aspettavano la vittoria e purtroppo non è arrivata”, ha confermato affranto il presidente del Grumentum, Petraglia. “Il Brindisi era una squadra alla nostra portata. Abbiamo evidenziato gli stessi difetti di domenica scorsa a Taranto – ha quindi proseguito il massimo esponente -. Sono due punti persi e anche questa volta avevamo bisogno di più in avanti, con l’infortunio di Esposito”.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de La Nuova del Sud

di Rino Covella