Serie D, il Francavilla fallisce il salto di qualità. Cupparo punta il dito contro il mister

FRANCAVILLA IN S. – La stoccata nel finale di Ausiello ha fatto pendere l’ago della bilancia in favore del Savoia, corsaro al “Fittipaldi” di Francavilla in Sinni. Nello scontro diretto tra compagini posizionate a metà classifica, hanno prevalso gli oplontini di Salvatore Campilongo trionfanti con il punteggio di 1- 0: agganciata la zona play-off, a pari merito con il Team Altamura quinto a 29 punti (in attesa dei recuperi). Enorme amarezza, invece, per i sinnici di Ranko Lazic che recrimineranno a lungo per l’occasione gettata alle ortiche. Avrebbero potuto compiere un passo avanti in classifica, distanziando la zona play-out, lontana appena cinque lunghezze. E’ stato un match vibrante con le due compagini che hanno dato vita ad un confronto vivace, con continui capovolgimenti di fronte, particolarmente apprezzato dai tifosi sugli spalti.Enorme è la delusione del Francavilla per la sconfitta subìta nello scontro diretto contro il Savoia. Il presidente lucano Antonio Cupparo non ha digerito la gestione della partita da parte dell’allenatore Ranko Lazic e lo ha evidenziato nell’intervista post-gara: “Sono enormemente rammaricato. Avevamo in pugno l’incontro, praticamente dal primo minuto e abbiamo, invece, dato l’opportunità al Savoia di conquistare i tre punti con l’unico tiro in porta della partita. A mio parere, chi era in campo ha dato tutto e Lazic ha pensato bene di continuare a giocare tutti i novanta minuti con gli stessi uomini, senza fare cambi, se non dopo essere passato in svantaggio”.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Giuseppe Calia