Serie D: il Taranto accusa, il Picerno non ci sta: “Stanno infangando una festa”

PICERNO- Sul campo la festa, per una promozione più che meritata. Il Picerno ha scritto una pagina memorabile della sua storia calcistica centrando la promozione in Serie C. I risultati hanno dato ragione alla formazione di mister Giacomarro che con 78 punti messi insieme in 32 partite e dopo ventisei risultati utili consecutivi ha messo in fila tutte le pretendenti, sbaragliando ben presto la concorrenza. Un campionato dominato fin dalla prima giornata. Impossibile tenere questo ritmo per tutte le concorrenti e il risultato sportivo è di quelli che vanno evidenziati ed esaltati. Fuori dal campo, rimane un pizzico di amarezza per quello che è successo tra il primo ed il secondo tempo, con le tensioni e la rissa che ha coinvolto alcuni giocatori tarantini che hanno chiesto l’intervento delle cure sanitarie per poi non tornare in campo per il secondo tempo. Una vicenda che in qualche modo finisce per “sporcare” quella che doveva essere una giornata memorabile e di festa per una intera comunità. Una vicenda ancora tutta da chiarire, visto che secondo la dirigenza tarantina, tre giocatori (Manzo, Favetta e Croce) sarebbero stati aggrediti da alcuni steward e colpiti al capo addirittura con dei tirapugni. La società jonica ha fatto sapere di aver inoltrato ricorso e chiederà la vittoria a tavolino.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Donato Valvano