Sicurezza sul lavoro, nel Potentino su 12 cantieri controllati quattro sospesi

POTENZA – Non si arresta l’attività di prevenzione in materia di sicurezza ed igiene sui posti di lavoro, in uno con il contrasto alle violazioni della normativa lavoristica, sul territorio di competenza dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Potenza e Matera sotto la direzione del dott. Michele Lorusso. Con il fondamentale supporto dei militari delle locali stazioni dei Carabinieri, i funzionari ispettivi hanno controllato ben 12 aziende edili sull’intero territorio potentino.

All’esito dei controlli, il dato preoccupante – sopratutto in questo momento nel quale il tema della sicurezza sui posti di lavoro si impone drammaticamente come centrale– è quello relativo al numero di provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale (in numero di 4) adottati in proporzione al numero di aziende ispezionate (in numero di12).  

I provvedimenti di sospensione sono scaturiti a seguito dell’accertamento dell’impiego, da parte dei datori di lavoro ispezionati, di personale dipendente non risultante dalla documentazione obbligatoria in misura pari o superiore al 20% del totale dei lavoratori presenti sui luoghi di lavoro così come dispone l’art. 14 del Decreto Legislativo n. 81/2008.

Relativamente al numero di lavoratori occupati in nero,  altro dato che emerge – in negativo- è quello che riferisce di 2 ditte edili le cui maestranze sui luoghi di lavoro – rispettivamente in numero di 3 e 4 lavoratori- erano tutte prive di obbligatoria comununicazione preventiva di assunzione.

Le sanzioni amministrative, dunque, che saranno comminate a fronte delle violazioni riferite e cioè di 4 sospensioni di attività imprenditoriali e di impiego di numero 10 lavoratori in nero è pari a € 42.000 calcolato nel massimo edittale.