Spopolamento, lucani sempre in fuga: ora anche verso l’estero

POTENZA- Quasi 5.500 residenti in meno in un anno, vale a dire un calo di quasi un punto percentuale rispetto al 2018.

Se le culle si svuotano i decessi aumentano, per non parlare degli oltre diecimila lucani con la valigia in mano a fronte degli 8mila nuovi iscritti, con un saldo negativo record di oltre 2.500 unità. Numeri da brivido mai riscontrati prima, che testimoniano quanto sia più facile di questi tempi scappare dalla Basilicata che rimanerci.

L’istantanea scattata dall’Istat nel report demografico nazionale del 2019 ci consegna a livello regionale, il primato negativo (-0,97%) in termini di perdita di popolazione insieme al Molise (-1,14%) e alla Calabria (-0,99%). All’opposto, incrementi di popolazione si osservano nelle province di Bolzano e Trento (rispettivamente +0,30% e +0,27%), in Lombardia (+0,16%) ed EmiliaRomagna (+0,09%). Il Sud è in rosso “soltanto” dello 0,63%. Un declino inarrestabile, che sul nostro territorio in 20 anni ha ridotto la popolazione di oltre 40mila unità.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Michelangelo Russo