Tifosi investiti, Laspagnoletta e 21 supporter della Vultur dal carcere ai domiciliari

Passano tutti dal carcere ai domiciliari: questa la decisione presa nella giornata di ieri dal tribunale del Riesame di Potenza nei confronti di 22 delle 26 persone arrestate lo scorso 19 gennaio in flagranza di reato dopo i tragici fatti di Vaglio Scalo costati la vita al 39enne tifoso della Vultur Rionero, Fabio Tucciariello (ad uno degli indagati, Attilio Capobianco, erano già stati concessi i domiciliari per motivi familiari dopo l’interrogatorio di garanzia).

In attesa del deposito delle motivazioni, attese entro i prossimi 45 giorni, la revoca della custodia cautelare in carcere, è arrivata dopo la derubricazione di uno dei capi di imputazione: cade infatti il comma terzo dell’articolo 635 del codice penale, inizialmente contestato, che integrava per l’azione dei tifosi della Vultur ai danni dei supporter del Melfi (nell’ambito di quello che la procura continua a considerare un agguato premeditato) l’ipotesi del danneggiamento aggravato prevista in occasioni di manifestazioni pubbliche o scioperi. Reato ora riqualificato in danneggiamento semplice.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Fabrizio Di Vito