Tifoso investito e ucciso, chiesti 3 anni e 8 mesi per Laspagnoletta

POTENZA – Il procuratore aggiunto di Potenza, Maurizio Cardea, ieri mattina ha chiesto davanti al gup Valentina Rossi, la condanna a tre anni e otto mesi con l’ipotesi di omicidio stradale nei confronti di Salvatore Laspagnoletta, il 31enne di Melfi accusato di aver investito e ucciso il 19 gennaio del 2020 il tifoso 39enne della Vultur Rionero, Fabio Tucciariello, durante i tragici fatti di Vaglio Scalo.

Il processo con rito abbreviato a carico del giovane melfitano si avvia quindi alle battute conclusive: il verdetto di primo grado è atteso per il prossimo 22 giugno, quando il gup, prima di ritirarsi in camera di consiglio, darà spazio alle eventuali repliche. L’accusa ha quindi sciolto definitivamente le riserve sulle contestazioni a carico dell’imputato: per la procura Laspagnoletta deve rispondere di omicidio stradale e non di omicidio volontario. Sono circa 40 i tifosi della Vultur Rionero finiti sotto inchiesta per quanto accaduto in quella tragica domenica di gennaio, per i quali a breve dovrebbe concludersi l’iter per la messa alla prova.

(Maggiori dettagli sull’edizione cartacea e digitale de “La Nuova del Sud”)