Tpl, Zullino: “La gara si farà. E Merra non si tocca”

POTENZA – “Chiedere le ingiustificate dimissioni della Merra, significa voler continuare a perdere tempo utile, perché l’assessore e il governo del cambiamento, non solo hanno trovato la soluzione per poter proseguire con il TpL urbano ed extraurbano, ma stanno lavorando per riformare l’intero sistema per tutelare l’intero settore”.

“Le procedure di gara? Sono state avviate, se non è stato fatto prima le colpe non sono riconducibili al nuovo governo. E poi chiariamo: per fare questo, tutte le aziende di trasporto sono state chiamate a fornire i dati dei mezzi e delle risorse umane, che ad oggi, ancora non sono stati forniti. Così osteggiano strumentalmente la redazione dei documenti delle gare di appalto”.

Zullino e Merra

Mentre la maggioranza regionale resta in silenzio e mentre dalla Lega nessuno apre bocca per difendere l’assessore regionale ai trasporti «invitata» dalla Fit Cisl a dimettersi, il consigliere Zullino diventa una sorta di «avvocato difensore». L’esponente leghista prova a ristabilire la verità dei fatti e respinge ogni accusa al mittente. Senza dimenticare anche qualche stilettata ai suoi dopo che il governo ha stoppato la legge regionale di proroga sino a marzo del servizio al Cotrab.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Celestino Benedetto