Tra gli effetti collaterali della pandemia anche il blocco dei medici di guardia. Il Movimento 5stelle interroga l’assessore Leone

POTENZA- “Gli effetti collaterali della pandemia ancora in essere stanno minando pesantemente il corretto funzionamento del sistema sanitario regionale, già precario di suo”. A lanciare l’ennesimo allarme sul tema, è il consigliere regionale del Movimento 5 stelle, Gianni Perrino.

“L’emergenza covid – evidenzia Perrino – ha poi messo in risalto un altro aspetto di primaria colpevolmente tralasciato: la cosiddetta continuità assistenziale ovvero quel presidio conosciuto come guardia medica. Considerate le caratteristiche orografiche del nostro territorio e la situazione di spopolamento della stragrande maggioranza dei comuni, in molti casi si tratta dell’ultimo presidio di sanità per migliaia di cittadini che altrimenti sarebbero completamente abbandonati a se stessi Al netto della solita retorica fine a se stessa, ci aspettiamo segnali concreti da parte dell’assessore Leone”.

IL MECCANISMO DELL’ACCORDO Questo servizio è regolato da un meccanismo basato sull’accordo collettivo nazionale dei medici di medicina generale e prevede due aggiornamenti annuali da parte della Regione. In pratica la Regione fa una ricognizione delle zone carenti e attinge dalle graduatorie per conferire incarichi. Tuttavia questo meccanismo si è inceppato in quanto la Regione avrebbe bloccato – secondo Perrino- le assegnazioni al 2013 in vista della ridefinizione dell’assetto organizzativo della Continuità Assistenziale. Gli effetti del blocco si sono ulteriormente aggravati dall’emergenza covid che ha drenato ulteriormente il contingente di medici a disposizione verso altre destinazioni. Ad oggi sono numerose le località sotto organico o scoperte che stanno facendo i salti mortali per garantire la copertura del servizio. Per questo il Movimento 5 stelle ha protocollato un’interrogazione in commissione per conoscere quali saranno gli scenari futuri della continuità assistenziale e della medicina del territorio.